Landscape

IL LAGO DI PUCCINI

 

Archaeological area and territory

 

Hills, villages, plains, olive trees, lake ... there are some pieces that make up the suggestive mosaic of the territory of the Municipality of Massarosa. The multiplicity of landscapes makes this place unique in its kind throughout the Versilia. The ancient inhabitants and passing travellers had already noticed this peculiarity, which left important testimonies throughout the territory of Massarosa.

 

In Massaciuccoli, in particular, a small pearl hidden in the thick olive trees that reveals itself to the eye after a path along the lake, the population dates back to before the Roman occupation, a tangible sign of the unquestionable attraction that the place has practiced since time immemorial.

 

The moment of greatest fortune of this small settlement is in Roman times, and is probably due to its geographical position, which sees it happily lying on the shores of the homonymous Lake, in an environment with a particularly sweet climate.

 

Today, a secluded location, Massaciuccoli was indeed a major centre of Roman Versilia. Land and water communication routes connected it to Pisa, Lucca, Luni and to the landings between Arno and Magra rivers. Frequented by the Etruscans, in Roman times Massaciuccoli is chosen for the construction of prestigious buildings that take advantage of the beautiful natural landscape offered by the hills, the lake and, in the distance, by the sea. The monumental remains of these buildings now make up the "Massaciuccoli Romana" Archaeological Area. The building known for its mosaic with fantastic animals, along Via Pietra a Padule, is visible under a new exhibition structure and in the adjacent excavation site, where archaeological research continues. Halfway up the coast lays the scenic villa of the Venulei whose vestiges can be admired climbing up to the square of the Pieve San Lorenzo; the ascent to the remains of the villa is now made easier and more suggestive by a new paved path and suitably illuminated.

 

For a long time Massaciuccoli has been identified with the post office called Fosse Papiriane in the Tabula Peutingeriana (a medieval copy of a Roman age street). The station would have been built along the Via Emilia, by the consul Emilio Scauro at the end of the 2nd century BC, on the hypothesis that this important artery was the road at the base of the hills.

 

Today, however, the Via Emilia seems have been recognized in the coastal road: in this case the Fosse Papiriane station must be located in the hinterland of Viareggio, where large numbers of Roman ceramic finds have emerged, and for Massaciuccoli we are still waiting for the ancient denomination to be found.

 

In an extraordinary and inseparable marriage, the remains of Roman constructions of the Archaeological Area fit into the wider context of the Migliarino-San Rossore-Massaciuccoli Nature Park. The area of ​​Lake Massaciuccoli, which preserves its natural and wild beauty intact, is the largest wetland in Tuscany; among the most famous Italian places of ornithological interest since the last century, when the master Giacomo Puccini took part in great hunting trips to the coot and ducks. Today the eastern shore of the lake, belonging to the Massarosa Municipality, is an ideal habitat for survival of rare plant species, as well as a great natural bird watching oasis, with more than 260 species of birds surveyed and protected. The Oasis, managed by the LIPU (Italian birds’ protection league) in agreement with the Park Authority, can be visited by following a system of walkways on stilts that cross the marsh and allow observing closely the most characteristic environments of the lake.

 

Francesco Ghizzani

 

The Lake of Massaciuccoli

 

The Massaciuccoli Lake and the surrounding marsh areas, with over 2000 sq km of surface, form the largest retrodunal wetland of Tuscany. Today the lake has lost the old aspect of brackish lagoon, and is considered a typical lake-pond for an average depth of less than 2 m (the maximum is 4.40) and salinity less than 500 mg / l; the bottom of the lake is below sea level. Its shape is more or less circular, with a perimeter of more than 10 km. The surface of the basin has suffered a drastic reduction in the last centuries due to continual drainage, which occurred especially during the 20th century.

 

The Massaciuccoli small village’s birth dates back to Roman times. The residential villas like the one of the Venulei - Roman patricians from Pisa – date back to the 1st century A.D., built often with annexed thermal complexes, like the one still visible today near the church, in a panoramic position above the lake. The other important centre, Torre del Lago, dates back to the eighteenth century, the era of the first important land reclamation. The locality is made famous by the great Lucca composer Giacomo Puccini, who lived there for a long time in a villa now transformed into a museum.

 

 

Tenuta of San Rossore

 

The Tenuta of San Rossore is open to the public with the following methods of use, parking and traffic:

Access from the Bridge to the Trumpets: from Monday to Sunday and Holidays from 7.00 to 17.30;

Access from Punta di Via delle Lenze: open only on Sundays and Holidays from 7.00 a.m. to 5.30 p.m.;

Access from the Marble: closed except for exceptional openings determined from time to time by the Park Management;

Every day the driveways Ponte alle Trombe axis - Cascine Vecchie - Sterpaia - Cascine Nuove are open to the public;

Every day, including Sunday and holidays, pedestrian access to the estate is open to the public for the use of the free itineraries in the "B" area of ​​the current regulations for access to the Tenuta of San Rossore

 

The San Rossore Estate (4800 hectares) is the most important natural environment inside the Park. Its borders are located to the north by the Serchio River, to the east by the city of Pisa, to the south by the Arno River and to the west by the Liguria Sea. The spontaneous vegetation differs according to the zones: in the "tomboli" it is characterized as submediterranean with the lecceta-pineta, in the "blades" as meso-hygrophilous deciduous wood typical of the original forests. Along the entire coastline, between the mouths of the two rivers, the estate is bounded towards the sea by high dunes. Among the easily observable animals are the fallow deer, the wild boar and a high presence of birdlife, especially during the wintering period and during spring migrations.

 

 

Tombolo Estate

 

The Tenuta di Tombolo, with about 5,000 hectares, occupies the southern coastal strip of the Park between the Arno and the Calambrone. The name of the Estate derives from the Latin "tumulus", which means "ground relief", and clearly indicates how the territory originates from the coasts of coastal dunes produced by the constant contribution of river sediments.

In the Roman and medieval times the Arno crossed the estate following a very different course from the current one: leaving the city of Pisa the river flowed south-west between the coast and the inhabited area of ​​San Piero a Grado from the Latin "gradus", i.e. landing. Here tradition says that San Pietro had landed, in whose memory the wonderful Romanesque basilica of the X-XI century was built. For centuries the Tenuta di Tombolo remained the property of the Archiepiscopal Mensa until the advent of the Savoy, who reorganized it with plantings of pine woods and reclamation works, also providing for the reorganization of the road network; among other things, the Navigable Canal of Navicelli (1928-38) was expanded and renovated, which since then has assumed a straight path parallel to the railway and the Aurelia. The Pisa coast, an integral part of the estate, had the first tourist-bathing settlements at the end of the 19th century in Marina di Pisa, frequented and celebrated by D'Annunzio.

 

 

 

The Lipu (Italian League of birds’ protection) Oasis of Massaciuccoli

An enchanted place to walk on stilt houses on the water

 

 

The Lipu Oasis of Massaciuccoli Lake is a protected area of ​​47 hectares created to protect the rare species that live in this lake environment: a true paradise for nature lovers, who can walk on the wooden trellises, built their own on the water, leading to little houses perfectly camouflaged with the environment, where you can hear the sounds of the lake and watch the birds.

This pristine corner is in fact ideal for bird-watching lovers. Tarbusini, diver ducks, grebes, cormorants, coots and herons are just some of the animals that can be seen at the Lipu Oasis, not to mention the birds of prey such as the marsh harrier. All birds find shelter among the rich vegetation, between the water lilies and the reeds, so thick to form real islets.

A nature to live, thanks to the visits that can be made at the Museum on the Ecology of the Swamp and to boat trips through the reeds and marshes, or on board canoes, kayaks and rowing boats, organized by the Oasis, which also provides visitors with a Teaching Laboratory and summer camps for children but also for adults.

 

Info: oasilipumassaciuccoli.org

 

 

Roman Massaciuccoli

 

Hills, villages, plains, olive trees, lake ... are the mosaic tiles that make up the territory of the Municipality of Massarosa.

The multiplicity of landscapes makes this place unique in its kind in the Versilia area.

The ancient inhabitants and travellers of the past had already noticed this peculiarity; important traces of their passage have been left in the territory of Massarosa.

In Massaciuccoli, in particular, a small pearl hidden in the thick olive trees that reveals itself to the eye after a tortuous path made of a succession of curves, the settlement of the site dates back to before the Roman occupation; tangible sign, this, of the indisputable attraction that the place has since time immemorial.

The fortune of this small settlement in the Roman era is due to its geographical location, which sees it happily lying on the shores of the homonymous lake and in a particularly mild climate.

In an extraordinary and inseparable union, the remains of Roman buildings are inserted in the wider context of the Natural Park of Migliarino San Rossore Massaciuccoli. The area of ​​Lake Massaciuccoli, which preserves its natural and wild beauty intact, is the largest wetland in Tuscany. Among the most renowned Italian places of ornithological interest since the last century, when the master Giacomo Puccini took part in great hunting trips to the coot and ducks, today the eastern shore of the lake, belonging to the Massarosa municipality, is an ideal habitat for the survival of rare plant species and as a great natural bird watching oasis with over 260 species of birds surveyed and protected.

 

The wealth of this territory, therefore, is certainly expressed in the naturalistic and environmental value to be protected and preserved, but also and above all in the archaeological heritage of great value and absolute originality for the Versilia context.

 

 

Museo Massaciuccoli: Spring-Summer 2018 opening hours and guided tours

 

"Massaciuccoli romana" archaeological area - "Guglielmo Lera" exhibition pavilion

via Pietra a Padule - Massaciuccoli locality - Massarosa LU - Tel. (0584) 974550

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Archeologica e il territorio

 

Colline, borghi, pianura, olivi, lago…sono alcune tessere che compongono il suggestivo mosaico del territorio del Comune di Massarosa. La molteplicità dei paesaggi rende questo luogo unico nel suo genere in tutta la Versilia. Di questa peculiarità si erano già accorti gli antichi abitanti e i viaggiatori di passaggio, che in tutto il territorio di Massarosa hanno lasciato importanti testimonianze.

 

A Massaciuccoli, in particolare, piccola perla nascosta nel folto degli olivi che si rivela allo sguardo dopo un percorso lungo il lago, il popolamento risale a prima dell’occupazione romana, segno tangibile dell’indiscutibile attrattiva che il luogo esercita da tempo immemorabile.

 

Il momento di maggior fortuna di questo piccolo insediamento è in epoca romana, ed è probabilmente da ricondurre alla sua collocazione geografica, che lo vede felicemente adagiato sulle rive dell’omonimo Lago, in un ambiente dal clima particolarmente dolce.

 

Oggi località appartata, Massaciuccoli è stata infatti un centro rilevante della Versilia romana. Vie di comunicazione di terra e d’acqua la univano a Pisa, Lucca, Luni e agli approdi della costa tra Arno e Magra. Frequentata già dagli Etruschi, in età romana Massaciuccoli è scelta per la costruzione di edifici prestigiosi che sfruttano lo splendido paesaggio naturale offerto dalle colline, dal lago e, in lontananza, dal mare. I monumentali resti di questi edifici compongono oggi l’Area Archeologica “Massaciuccoli Romana”. L’edificio noto per il mosaico con animali fantastici, lungo via Pietra a Padule, è visibile sotto una nuova struttura espositiva e nell’adiacente cantiere di scavo, dove le ricerche archeologiche continuano. A mezza costa sorge la scenografica villa dei Venuleii le cui vestigia si possono ammirare salendo al piazzale della Pieve di San Lorenzo; la salita ai resti della villa è oggi resa più agevole e suggestiva da un nuovo sentiero lastricato ed opportunamente illuminato.

 

A lungo Massaciuccoli è stata identificata con la stazione di posta denominata Fosse Papiriane nella Tabula Peutingeriana (una copia medievale di uno stradario di età romana). La stazione sarebbe sorta lungo la via Emilia, costruita dal console Emilio Scauro alla fine del II secolo a.C., nell’ipotesi che questa importante arteria fosse la strada alla base delle colline.

 

Oggi tuttavia c’è chi ritiene che la via Emilia debba essere riconosciuta nella strada litoranea: in questo caso la stazione di Fosse Papiriane deve essere localizzata nel retroterra di Viareggio, dove sono emerse grandi quantità di reperti ceramici di età romana, e per Massaciuccoli resterebbe ancora da trovare l’antica denominazione.

In un connubio straordinario e inscindibile, i resti di costruzioni romane dell’Area Archeologica si inseriscono nel più ampio contesto del Parco Naturale di Migliarino-San Rossore-Massaciuccoli. L’area del lago di Massaciuccoli, che conserva intatta la sua naturale e selvaggia bellezza, è la più grande zona umida della Toscana; tra le più rinomate località italiane di interesse ornitologico fin dal secolo scorso, quando il maestro Giacomo Puccini prendeva parte a grandi battute di caccia alla folaga e alle anatre, oggi la sponda orientale del lago, di pertinenza massarosese, è un habitat ideale per la sopravvivenza di rare specie vegetali, oltre che una grande oasi naturale per il birdwatching, con più di 260 specie di uccelli censite e protette. L’Oasi, gestita dalla LIPU in convenzione con L’Ente Parco, è visitabile percorrendo un sistema di camminamenti a palafitta che attraversano la palude e consentono di osservare da vicino gli ambienti più caratteristici del lago.

 

Francesco Ghizzani

 

 

Il Lago di Massaciuccoli

 

Il lago di Massaciuccoli e le aree palustri circostanti, con oltre 2000 Kmq di superficie, formano la zona umida di origine retrodunale più estesa della Toscana. Il lago oggi ha perso l'antico aspetto di laguna salmastra, ed è considerato un tipico lago-stagno per la profondità media inferiore ai 2 m (la massima è di 4,40) e salinità inferiore a 500 mg/l; il fondo del lago è al di sotto del livello del mare. La sua forma è più o meno circolare, con un perimetro di oltre 10 Km. La superficie del bacino ha subito una drastica riduzione negli ultimi secoli a causa delle continue bonifiche, avvenute soprattutto nel XX secolo.

 

La nascita del piccolo borgo di Massaciuccoli risale all'epoca romana. Sono del I sec. d.c. le ville residenziali come quella dei Venulei - patrizi romani di Pisa - nel I sec d.c., con annessi complessi termali, come quello ancora oggi visibile a ridosso della chiesa, in posizione panoramica sul lago. L'altro centro importante, Torre del Lago, risale al XVIII sec., epoca delle prime importanti bonifiche. La località è resa famosa dal grande compositore lucchese Giacomo Puccini, che vi abitò a lungo in una villa oggi trasformata in museo.

 

 

Tenuta di San Rossore

 

La Tenuta di San Rossore è aperta al pubblico con le seguenti modalità di fruizione, sosta e viabilità:

Accesso dal Ponte alle Trombe: dal lunedì alla Domenica e Festivi dalle ore 7.00 alle ore 17.30;

Accesso dalla Punta di Via delle Lenze: aperto solo la Domenica e i Festivi dalle ore 7.00 alle ore 17.30;

Accesso dal Marmo: chiuso salvo aperture eccezionali di volta in volta determinate dalla Direzione del Parco;

Tutti i giorni gli accessi carrabili aperti al pubblico sono l'asse Ponte alle Trombe - Cascine Vecchie - Sterpaia - Cascine Nuove;

Tutti i giorni, compresi la Domenica e i festivi, l'accesso pedonale alla Tenuta è aperto al pubblico per la fruizione degli itinerari liberi nella zona "B" di cui al vigente Disciplinare per l'accesso alla Tenuta di San Rossore

 

La Tenuta di San Rossore (4800 ha di superficie) è il più rilevante ambiente naturale all'interno del Parco. I suoi confini sono individuati a Nord dal Serchio, ad Est dalla città di Pisa, a Sud dall'Arno e ad Ovest dal Mar Ligure. La vegetazione spontanea si differenzia a seconda delle zone: nei "tomboli" si caratterizza come submediterranea con la leccetta-pineta, nelle "lame" come bosco meso-igrofilo di caducifoglie tipiche delle originarie foreste. Lungo tutta la linea di costa, tra le foci dei due fiumi, la Tenuta è delimitata verso il mare da alte dune. Tra gli animali facilmente osservabili vi sono il daino, il cinghiale ed un'elevata presenza di avifauna, soprattutto nel periodo di svernamento e durante le migrazioni primaverili.

 

 

Tenuta di Tombolo

 

La Tenuta di Tombolo, con circa 5.000 ettari, occupa la fascia costiera meridionale del Parco tra l'Arno ed il Calambrone. Il nome della Tenuta deriva dal latino "tumulus", che significa "rilievo del terreno", ed indica chiaramente come il territorio abbia origine dai cordoni di dune costiere prodotte dal costante apporto dei sedimenti fluviali.

 

In epoca romana e medioevale l'Arno attraversava la Tenuta seguendo un corso assai diverso dall'attuale: uscito dalla città di Pisa scorreva verso sud-ovest tra la costa e l'abitato di San Piero a Grado dal latino "gradus", cioè scalo. Qui la tradizione vuole che fosse sbarcato San Pietro, nel cui ricordo fu costruita la meravigliosa basilica romanica del X-XI secolo. La Tenuta di Tombolo rimase per secoli di proprietà della Mensa Arcivescovile fino all'avvento dei Savoia, che la riorganizzarono con piantumazioni di pinete ed opere di bonifica, provvedendo anche al riassetto della rete viaria; fra l'altro fu ampliato e ristrutturato il Canale Navigabile dei Navicelli (1928-38), che assunse da allora un percorso rettilineo parallelo alla ferrovia ed all'Aurelia. Il litorale pisano, parte integrante della Tenuta, ebbe i primi insediamenti turistico-balneari a fine '800 a Marina di Pisa, frequentati e celebrati da D'Annunzio.

 

 

L’Oasi Lipu di Massaciuccoli

Un luogo incantato, da percorrere a piedi sulle palafitte sull'acqua

 

L’Oasi Lipu del Lago di Massaciuccoli è un’area protetta di 47 ettari creata per tutelare le specie rare che vivono in questo ambiente lacustre: un vero paradiso per gli amanti della natura, che possono passeggiare sui camminamenti di legno a plaffitta, costruiti proprio sul pelo dell’acqua, che conducono a casottini perfettamente mimetizzati con l’ambiente, dove ascoltare i rumori del lago e osservare gli uccelli.

 

Questo angolo incontaminato infatti è l'ideale per gli amanti del bird-watching. Tarbusini, anatre tuffatrici, svassi, cormorani, folaghe e aironi sono solo alcuni degli animali che si possono avvistare all’Oasi Lipu, senza dimenticare i rapaci come il falco di palude. Tutti volatili trovano riparo tra la ricca vegetazione, tra le ninfee e le canne, talmente fitte da formare veri e propri isolotti.

 

Una natura da vivere, grazie alle visite che si possono effettuare presso il Museo sull'Ecologia della Palude e alle gite sui battelli attraverso i canneti e le paludi, oppure a bordo di canoe, kayak e barche a remi, organizzate dall’Oasi, che mette anche a disposizione dei visitatori un Laboratorio Didattico e campi estivi per bambini ma anche aduli.

 

Info: oasilipumassaciuccoli.org

 

 

Massaciuccoli romana

 

Colline, borghi, pianura, olivi, lago… sono le tessere del mosaico che vanno a comporre il territorio del Comune di Massarosa.

La molteplicità dei paesaggi rende questo luogo unico nel suo genere in ambito versiliese.

Di questa peculiarità già si erano accorti gli antichi abitanti e i viaggiatori del passato, che proprio sul territorio di Massarosa hanno lasciato importanti tracce del loro passaggio.

A Massaciuccoli, in particolare, piccola perla nascosta nel folto degli olivi che si rivela allo sguardo dopo un percorso tortuoso fatto di un susseguirsi di curve, il popolamento del sito risale ad ancor prima dell’occupazione romana; segno tangibile, questo, dell’indiscutibile attrattiva che il luogo riveste da tempo immemorabile.

La fortuna di questo piccolo insediamento in epoca romana è da ricondursi alla sua collocazione geografica, che lo vede felicemente adagiato sulle rive dell’omonimo lago e in un ambiente dal clima particolarmente dolce.

In un connubio straordinario ed inscindibile, i resti di costruzioni romane si inseriscono nel più ampio contesto del Parco Naturale di Migliarino San Rossore Massaciuccoli. L’area del lago di Massaciuccoli, che conserva intatta la sua naturale e selvaggia bellezza, è la più grande zona umida della Toscana; tra le più rinomate località italiane di interesse ornitologico fin dal secolo scorso, quando il maestro Giacomo Puccini prendeva parte a grandi battute di caccia alla folaga e alle anatre, oggi la sponda orientale del lago, di pertinenza massarosese, si presenta come habitat ideale per la sopravvivenza di rare specie vegetali e come una grande oasi naturale per il birdwatching con oltre 260 specie di uccelli censite e protette.

La ricchezza di questo territorio, quindi, si esprime certamente nel valore naturalistico e ambientale da tutelare e preservare, ma anche e soprattutto nel patrimonio archeologico di grande pregio e di assoluta originalità per il contesto versiliese.

Museo Massaciuccoli: Orario primavera-estate 2018 e visite guidate

area archeologica "Massaciuccoli romana"

padiglione espositivo "Guglielmo Lera"

via Pietra a Padule - località Massaciuccoli

Massarosa LU

Tel. (0584) 974550

 

 

Associazione Città Infinite Via delle Conce, 10 Lucca 55100 P.Iva C.F. 02250360464